Costruzioni web

logo fiaccola                     Facebook  Twitter  Google  Pinterest                              cookie policy

A+ A A-

Hyundai Heavy Equipment diventa socio Unacea

  • Pubblicato in News

Hyundai Heavy Equipment ha aderito a Unacea come socio aggregato. Questa decisione, come dichiara Alain Worp (foto), managing director Hyundai Heavy Industries Europe, coerentemente con le finalità dell’associazione, contribuisce a rafforzare e ad aumentare la posizione del marchio sul mercato Hyundai internae a rappresentare maggiormente in Europa e nel mondo l’impegno italiano nel settore delle macchine movimento terra. Il marchio Hyundai è oggi presente in oltre 140 Paesi, grazie a un’estesa rete distributiva e otto centri operativi sparsi in tutto il mondo. La sua divisione di macchine per costruzioni nasce nel 1985, coprendo nel giro di pochi anni l’intera gamma di grandi e mini macchine per il movimento terra.

Leggi tutto...

Padiglione Italia a Conexpo/Con-Agg con Unacea

  • Pubblicato in News

Unacea, in collaborazione con Ice-Agenzia, organizza il padiglione Italia a Conexpo/Con-Agg di Las Vegas. Anche nel 2015, Usa prima destinazione dell'export italiano di settore

La dinamica positiva dei consumi e del mercato del lavoro statunitense, riconosciuta anche dalla storica decisione della Fed di alzare i tassi di interesse fermi dal 2006, sta fungendo da traino per la ripresa dell’economia globale. La fase espansiva dell’economia statunitense, che dovrebbe attestarsi su una crescita media del 2% l’anno per il prossimo biennio, si riflette anche sugli investimenti in costruzioni. Sebbene ancora lontano dai livelli precrisi, è l’edilizia residenziale a rappresentare la componente più dinamica, mentre faticano ancora gli investimenti in edilizia non residenziale e infrastrutturale.

La spinta dell’economia statunitense, che compensa in parte il rallentamento sperimentato da alcuni paesi emergenti, sta influenzando positivamente anche il mercato delle macchine per costruzioni. La domanda cumulata di macchine movimento terra negli Stati Uniti per il prossimo biennio dovrebbe infatti aumentare del 50%. In crescita anche l’indice di intensità di investimento in macchine movimento terra, cioè il rapporto tra domanda di macchine e investimenti in costruzioni, che si stima possa addirittura superare i livelli riscontrati a metà dello scorso decennio (fonte: Outlook Samoter-Prometeia).

Già nel 2014, il mercato Usa è stata la prima destinazione dell’export italiano di macchine per costruzioni, assorbendo oltre €197 milioni di produzione italiana di settore. Nel 2015, la dinamica sembra essere destinata a migliorare ulteriormente. Nei primi nove mesi dell’anno infatti, sono state vendute negli Stati Uniti macchine e attrezzature italiane per più €187 milioni, con una crescita del 33% rispetto a quanto rilevato nello stesso periodo del 2014.

Anche in risposta a tale successo per il nostro settore, Unacea organizzerà, in collaborazione con Ice-Agenzia, il padiglione Italia a Conexpo-Con/Agg, la fiera delle macchine per costruzioni di Las Vegas che si svolgerà dal 7 all’11 marzo 2017. “I trend del mercato statuniense per il nostro settore continuano a essere particolarmente positivi e lo saranno anche nei prossimi anni” – ha dichiarato Paolo Venturi, presidente di Unacea. “Abbiamo quindi deciso di organizzare il padiglione Italia, assente nelle ultime due edizioni della manifestazione in quanto come associazione dei produttori italiani, crediamo sia giusto aiutare le nostre pmi a inserirsi in un mercato tanto promettente quanto maturo e strutturato”. La collettiva italiana sarà allestita in area esterna nel Silver Lot 1 e si avvarrà della segreteria tecnica di Monacofiere.

Leggi tutto...

Mercato lento ma in crescita

  • Pubblicato in News

Nel 2014 sono state vendute sul mercato italiano 6.786 macchine per costruzioni, con una crescita dell'11% rispetto a quanto rilevato nel 2013. Nel dettaglio, le vendite di macchine movimento terra sono state 6.670 (+11%) e 116 macchine stradali (+12%).
“I risultati conclusivi del 2014 danno ragione a chi come Unacea aveva espresso cautela rispetto agli avventati entusiasmi emersi all'inizio dell'anno scorso”, dichiara Paolo Venturi, presidente di Unacea. “Il +20% del primo trimestre, infatti, si è praticamente dimezzato. Quello che rimane è la perdita di oltre l'80% sui livelli di vendita del 2007 in un orizzonte generale in cui si esita ancora a mettere in campo misure necessarie per il Paese, per l'occupazione e per l'industria: in primo luogo, un grande piano per contrastare il dissesto idrogeologico del Paese, per salvare vite umane e creare nuovi lavori utili alla collettività; in secondo luogo, un programma pluriannuale di sostituzione del parco obsoleto con prodotti e accessori di nuova generazione”.
Nei primi dieci mesi dell’anno, secondo gli ultimi dati Istat elaborati da Unacea, l’export di macchine per costruzioni ha registrato vendite per 1.522 milioni di euro, con un calo del 4% rispetto allo stesso periodo del 2013. La contrazione più significativa riguarda le macchine per la perforazione (-33%); in calo anche l’export di macchinari per la preparazione degli inerti (-19%), delle gru a torre (14%), delle macchine per il calcestruzzo (-4%), stradali (-4%) e movimento terra (-1%).
Le importazioni, con un valore di oltre 432 milioni di euro, crescono invece del 23%. La bilancia commerciale si mantiene positiva di oltre 1.522 milioni di euro, registrando tuttavia una contrazione del 9% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.
Secondo le prestime di Off-Highway Research, il mercato mondiale delle macchine per costruzioni nel 2014 è stato di 81 miliardi di euro con un calo del 2% rispetto all'anno precedente. Secondo le previsioni della società di ricerche economiche nel 2015 le vendite cresceranno fino a quota 86 miliardi di euro (+5).

www.unacea.org

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Login or Register

LOG IN

Register

Registrazione utente